Caorle soffre, ma vince: +2 dopo due overtime con lo Jadran

Lunetta maledetta per lo Jadran, mentre Caorle è fredda e ringrazia: una battaglia durata ben cinquanta minuti, quella andata in scena al PalaMare Walter Vicentini di Caorle, un match combattutissimo e sempre molto intenso ed agonistico, dove alla fine sono i padroni di casa a spuntarla.

Il primo quarto è, ovviamente in equilibrio: fasi di studio fra le due formazioni, con lo SME che tiene a riposo per quaranta minuti Buscaino e dunque deve affidarsi a dei quintetti maggiormente leggeri. Nella seconda frazione, dopo il +4, è proprio la formazione litoranea a dare lo strappo: lo Jadran fatica in attacco, sbagliando parecchio anche dalla lunetta, ed ecco che dall’altra parte è Bovolenta (5/8 da due, 3/6 da tre, 8/9 ai liberi, 9 falli subiti, 6 rimbalzi, 5 assist) a prendersi la scena insieme a Masocco. I due giocatori di Ostan riescono a trovare qualche soluzione ma, in generale, è la difesa di casa a funzionare: solo 22 punti subiti in 20 minuti sono un discreto fatturato e, al ventesimo, siamo a +10 per i veneti.

Nella ripresa, è bravo l’Ispem a rientrare nel punteggio: il team di Oberdan aumenta i colpi e stringe le maglie difensive, costringendo Caorle a tiri maggiormente forzati, che inevitabilmente sporcano le percentuali. Lo SME soffre, non ha troppe alternative in attacco se non la coppia Bovolenta – Masocco, ed ecco che arriva il puntuale recupero dello Jadran: con il passare dei minuti il divario si annulla e lo Jadran riesce anche a passare in vantaggio, sfruttando la verve di Ridolfi (3/13 al tiro, ma 8/10 in lunetta, 10 falli subiti e 7 rimbalzi, oltre a 4 assist) e i canestri di Ban.

Nell’ultimo periodo, ancora molto equilibrio, con le due squadre che ribattono colpo su colpo: nessuno dei team riesce ad effettuare lo strappo decisivo, pure se lo SME passa in vantaggio a meno di venti secondi dalla fine, sul 57 – 54. Ci pensa però Matija Batich, che segna il tiro pesante del pareggio: si va quindi ai tempi supplementari, laddove però il team di Dean Oberdan commette troppi errori dalla lunetta (20/32 il dato complessivo). Dopo un primo overtime in parità, ad essere più freddi sono proprio Masocco e compagni, che stringono i denti e riescono ad accumulare un margine minimo, che permette loro di aggiudicarsi la vittoria per 77 – 75.

 

CAORLE – JADRAN TRIESTE 77 – 75 dts

SME Caorle: Rubin 13, Sartorello ne, Ingrosso ne, Buscaino ne, Bovolenta 27, Mattiuzzo, Nardin 5, Masocco 20, Rizzetto 9, Pauletto, Bianchini 4, Trevisan. All. Ostan
Ispem Jadran Trieste: Batich 15, Gregori I. 4, Zidaric 7, Ban 16, Ferfolja ne, Ridolfi 14, Cettolo 1, De Petris 11, Malalan 7, Daneu 1, Laurencic ne, Tercon ne. All. Oberdan

Arbitri: De Rico e Fior
Parziali: 15-11; 32-22; 40-42; 57-57; 65-65

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: