C GOLD – BATTUTO ANCHE PORDENONE. AL PALAMARE NON SI PASSA.


SME CAORLE – SISTEMA PORDENONE 63 – 54


SME CAORLE: Rizzo 6, Masocco 15, Rizzetto 11, Musters 11, Gerami Lou 6; Ajdinoski n.e, Moro 1, Defendi, Visentin 11, Battiston, Albo 2. Allenatore: Frattin.

PORDENONE: Colamarino 15, Paunovic 14, Pellot 9, Truccolo 10, Varuzza; Michielin 2, Vendramelli 2, Feletto n.e, Marzano n.e, Bet 2: Allenatore: Longhin.

Arbitri: Filippo Davanzo di Albignasego (Pd) e Marco Langaro di Arzignano (Vi).


NOTE: parziali: 17 – 17, 11 – 20, 17 – 3, 18 – 14. Tiri da due: 21/49 Caorle, 16/37 Pordenone; Tiri da tre: 3/22 Caorle, 5/25 Pordenone; Tl: 12/16 Caorle, 7/17 Pordenone.


Al Palamare non si passa. Dopo aver schiantato Oderzo, la SME Caorle conferma quel crescendo di prestazioni evidenziato nell’ultimo mese, piegando sul proprio campo anche l’esperto Pordenone dell’ex coach Marzio Longhin. In tal modo restando agganciata al treno dei playoff, dopo una gara che i litoranei sono riusciti ad aggiudicarsi dopo l’intervallo lungo, con un terzo quarto tutto grinta e cuore, dove la difesa decisamente più aggressiva rispetto ai primi due quarti, ha mandato letteralemente in confusione i pordenonesi, i quali hanno incominciato a sbagliare in modo gratuito da sotto, finendo per realizzare solamente la miseria di tre punti. Prima parte di gara, invece, che non si è rivelata particolamente entusiasmante per i litoranei. Ad un primo quarto altalenante, con un allungo iniziale caorlotto (15 – 7 a 4’ 48” dalla prima sirena) prontamente rintuzzato nel finale da Pordenone, soprattutto grazie alla mano calda di Colamarino, ha fatto riscontro un secondo parziale dove i pordenonesi sono saliti decisamente in cattedra. Davanti ad un Caorle apparso in evidente difficoltà, che ha finito per perdere più di un pallone e piuttosto impreciso al tiro, il divario è andato progressivamente dilatandosi sino a toccare le nove lunghezze (28 – 37) proprio sulla seconda sirena. Al rientro, i gialloblu riescono a cambiare marcia con perentorio 17 – 3, operando il sorpasso (41 – 40) a 2’ 35” dall’ultimo quarto, grazie a due punti di Masocco. La risposta pordenonese non tarda. Questa volta, all’inizio del quarto tempo è Caorle a non indovinare più niente, permettendo agli ospiti un 10 – 0 che li riporta avanti di + 5 (45 – 50) a 6’ 27” dal termine. E allora Visentin suona la carica con tre canestri consecutivi per l’ennesimo controsorpasso dei litoranei. Due tiri liberi di Rizzo fanno prendere nuovamente il largo a Caorle. Finale sempre convulso. Errori a ripetizione pordenonesi, Caorle decisamente più preciso dalla lunetta. Finisce 63 – 54. Il live streaming della partita integrale al link https://youtu.be/ix8JkD0gp3Q sulla nostra Web TV.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: